Senza categoria

Ti influenza e non ne puoi fare a meno, il meme nella cultura 2.0

Una breve frase ironica, una struttura semplice con domanda e risposta, oppure un inizio contestuale “quando qualcuno…” il tutto scritto sopra ad un’immagine buffa o emblematica o semplicemente popolare in quel momento specifico. Ecco cosa sono i memes nella forma social, la modalità espressiva perfettamente adattata al digitale: rappresentazione ironica, riconoscibile, rapida, irriverente, evocativa, attraente. Impossibile o quasi passare veloci sulla pagina social senza trovarne una appena creata o ampiamente condivisa.
La usiamo tutti per divertimento, perché rispecchia effettivamente il nostro sentimento o pensiero rispettivi argomento attuale, perché alcuni appaiono geniali.

Perché meritano la nostra attenzione ed è utile approfondire il loro crearsi e diffondersi in rete? Perché sono un segnale di appartenenza alla cultura digitale che stiamo costruendo e contemporaneamente ne sono specchio e memoria. Un’esagerazione? Non se consideriamo tutti i livelli che copre il fenomeno: con scopo ludico la condivisione personale in gruppi di amici, a livello pubblicitario con lo studio e l’operazione di marketing di un brand, a livello politico e sociale nel catalizzare opinioni e in celebri casi anche muovere voti alle elezioni. A tal proposito dal 2014 si parla anche di memes war come ad esempio nelle elezioni di Trump.

Sono un’invenzione della rete? Assolutamente no, un mene è un’idea che viene replicata nella sua essenza propagandosi nella società, di generazione in generazione e sempre in forme diverse e più moderne. La memetica nasce a partire dal 1976 quando Richard Dawkins scrisse “il gene egoista” portando un’ipotesi di uguaglianza di funzionamento tra geni che passano nel dna tra genitori e figli e meme culturali che passano attraverso idee e creazioni nelle generazioni.

In rete si trovano diverse pagine e tutoring su cosa serve ad un meme per diventare popolare, quali sono gli errori da non commettere se si basa la campagna di marketing su di essi, quante spese e profitti si potranno aspettare, quali i rischi, quali i target da colpire e soprattutto i tempi da considerare: hanno larghissima diffusione in breve tempo e durano non più di qualche ora influenzando molti utenti per brevissimo tempo.
La cosa che colpisce è il loro essere sotto gli occhi di tutti continuamente e contemporaneamente poco afferrabili e definibili nella loro interezza e complessità.

Perché ne siamo inevitabilmente influenzati? Perché si riferiscono a strutture mentali conosciute, a concetti che comprendiamo e conosciamo da tempo, sono presentati alla nostra attenzione ma è come se li conoscessi già, come fossero un ricordo. Per essere ricordata, un’informazioni deve essere interessante, capita e accettata nella forma di presentazione. Il meme ha una forma attraente ma è già compreso e accettato. Viene poi replicato per diventare “virale”e per questo hanno più successo i memes che possono venire memorizzati per più tempo, perché riferiti ad eventi più conosciuti o perché si adattano a più situazioni.

La forma social e le numerose applicazioni di creazione meme dimostrano l’interesse che per ognuno possono rappresentare: a livello ludico, professionale e commerciale. Il tentativo di influenzare la cultura, la società e di lasciare il proprio segno è sempre e per fortuna irrinunciabile.

Alcuni link di approfondimento

http://sociologicamente.it/memetica-la-genetica-della-cultura/
https://synecticsmedia.com/how-to-use-memes-in-your-marketing-strategy
http://www.liberopensiero.eu/2017/11/20/politica-meme-logo-comune/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...